Salsa Cubana VS Salsa Portoricana

Chi “Vince” Tra Salsa Cubana E Salsa Portoricana?

Per tutti i curiosi che si sono chiesti almeno una volta quale fosse la differenza tra un corso di salsa cubana e un corso di portoricana, vi descriveremo le differenze basilari. Si tratta comunque di generalizzazioni e semplificazioni e possono esserci delle eccezioni.
Tenetevi saldi!

Linee o Cerchio          Salsa Portoricana         Pasitos         Salsa New York Style         Musica         Timba         Abbigliamento

BALLARE CIRCOLARE O LINEARE?

Si potrebbe partire dal concetto lineare, o delle linee: nella salsa portoricana, cioè, la coppia tende a eseguire figure e movenze su di una linea, mentre nella cubana ciò non avviene ed è il cavaliere che, in un certo senso, sancisce l’ordine di una determinata rotazione (nel dettaglio si finisce spesso in una posa tale che la dama si trova alla destra dell’uomo).
Insomma, i ballerini di salsa cubana danzano in modo circolare, proiettandosi in giri su loro stessi.

LO SWING PORTORICANO

Esso è una foundation -per usare un termine “urban” – della salsa portoricana.
Si tratta di un movimento oscillatorio per la quale sussiste un chiaro rimando al ballo Swing, per l’appunto, degli anni ’20.
Lo swing portoricano, dunque, va a marcare la maggioranza dei passi basi che si eseguono in un ritmo tipicamente in contrattempo.

I PASITOS

Che cosa sono? I pasitos sono un set di passi eseguiti individualmente dalla dama e dal cavaliere, nel momento in cui la coppia stessa si divide.
Originariamente erano movenze applicate anche nei balli latino americani con la finalità di corteggiare il partner, ma non è raro vederli apprezzati ancora oggi con il medesimo valore, nonché scopo. Ebbene, i pasitos caratterizzano in toto la salsa portoricana, ponendola spesso in contrasto, a cagione della loro natura, da quella cubana.

FIGLIA DI PORTO RICO

Bandiera di Cuba
Bandiera di Cuba

Veloce ed elegante rappresenta l’evoluzione più famosa e popolare della salsa portoricana. Si tratta della New York Style.
La salsa New York Style prese piede negli anni ’50 grazie a El Dia de Mas Grande (Eddie Torres) ed è la sintesi di vari stili di ballo.
Ciò che caratterizza la “figlia di Porto Rico” sono le evoluzioni complicate, fatte di giri veloci e vorticosi, che esegue la coppia. Infine, il basso base è contemplato non tanto sulla prima battuta della musica, quanto sulla seconda.

[Bandiera portoricana e cubana: tre strisce rosse e due bianche orizzontali con il triangolo celeste a sinistra e la stella bianca al centro.]

LE MUSICHE

I ritmi che hanno delineato la salsa sono da sempre stati una mescolanza di svariate sonorità.
Da Ignacio Pineiro e la sua celeberrima “Echale salsita” a Josè Curbelo si possono analizzare, nonostante il salto nel tempo, i diversi stili e le numerose varianti musicali tra una composizione ritmica ed un’altra. Sostanzialmente il Son, il mambo e il cha cha cha sono i ritmi fondamentali della salsa.
Oggi si aggiunge anche il reggaeton. In realtà, quest’ultimo è un genere che ha preso piede recentemente, molto apprezzato dai ballerini giovani e meno tollerato, lo si dica pure, dalle persone più mature. Il reggaeton, appunto, è un elemento musicale che crea un’ulteriore divergenza tra salsa portoricana e salsa cubana, schierandosi fedele compagno della seconda.
Nei corsi di Hip Hop, tra le altre cose, non è raro trovare insegnanti che facciano eseguire passi a tempo di reggaeton ai propri allievi, a confermare ulteriormente la tesi che questo stile stia prendendo largamente piede.
Restano comunque il Son montuno il genere principale della salsa cubana, e la plena quello della portoricana.

FIGLIA DI CUBA

Dai ritmi songo, e spinta soprattutto da gruppi musicali come i Los Van Van, NG La Banda e altri, la Timba si sviluppa dalla salsa cubana.
La Timba è l’essenza di più influenze popolari e culturali, tale che gli strumenti impiegati si allontanano anche da quelli della salsa cubana classica.
E’ usata qui, ad esempio, anche la tastiera.
Fu nel 1992 che iniziò il fenomeno “timba explosion” ed indicava la marcata tendenza a scegliere la timba piuttosto che la salsa primitiva.

FISICITA’ E ABBIGLIAMENTO

Anche per quanto concerne il vestiario, teoricamente si va a radicare una dicotomia: nella salsa portoricana è ben vista la giacca a tre bottoni per il ballerino e non particolari scelte stilistiche per le dame. L’abbigliamento curato della portoricana è ragionato sui pezzi ritmici lenti, definiti di “salsa romantica”. Nella salsa cubana cavalieri e ballerini non hanno definiti vincoli per i vestiti. Resta nell’immaginario collettivo anche la fisionomia del ballerino portoricano che è maggiormente apprezzato se longilineo, magro e ben slanciato. Per quanto riguarda lo sforzo d’esecuzione, sembrerebbe che la ballerina di salsa portoricana si stanchi di meno rispetto a quella di salsa cubana e, inoltre, la possibilità di esprimere al meglio la propria femminilità apparterrebbe alla prima piuttosto che alla seconda. Non lasciamoci ingannare, infine, dalle scarpe perché non tutte sono adatte per la salsa.
Proprio come per le altre danze, ma non ai livelli delle scarpette da punta per la danza classica (Ahi! Che dolore!), nella salsa il ballerino deve sentirsi comodo e a suo agio con le calzature.
Per le donne sono sconsigliate scarpe con tacco a spillo e consigliate quelle, invece, con tacco più grande affinché si consenta un maggior controllo negli spostamenti e per gli scivolamenti.
E’ preferibile materiale che non sia di cuoio.

UN CURIOSO ESCAMOTAGE DELLE DONNE

Non sono rare le ballerine di salsa che rifiutano l’invito di un cavaliere
Affermando: “Come? Hai detto salsa cubana? Ehm…io ballo solo portoricana!”

Uomini, le donne la sanno sempre lunga, bisogna ammetterlo.

METODI D’INSEGNAMENTO

Essendo due stili differenti mi si muoverà facilmente la contestazione ovvia di metodiche “How to learn” – “come imparare” le figure nell’una e nell’altro tipo di salsa.
Tuttavia per metodi d’insegnamento voglio intendere le reali peculiarità che fanno della cubana un mondo a sé stante rispetto alla portoricana.
Partendo dai pasitos, descritti sopra, risulta chiaro che ai ballerini della portoricana può essere richiesto un certo grado di improvvisazione autonoma ma che al tempo stesso colora la coppia di movimenti morbidi ed eleganti (“Salsa romantica”).
In entrambi gli stili i primi tre tempi prevedono, quasi sempre, l’esecuzione dei più svariati passaggi, o step, mentre il quarto tempo rappresenta la pausa.
Se la portoricana è più libera nei movimenti, la cubana è rigida e statica; da alcuni definita più aggressiva.

Salsa Cubana VS Salsa Portoricana ultima modifica: 2016-04-22T12:26:02+00:00 da gianluca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *