Breve storia del Cha cha cha

Vi siete mai chiesti da dove derivi il famoso ballo latino-americano noto come Cha cha cha?
Quali sono le sue origini? Come è nato?

Vediamo di rispondere a qualche curiosità su questa affascinate danza che arriva da lontano. Per risalire alla nascita del Cha cha cha probabilmente dobbiamo andare a Cuba agli inizi del Novecento dove il ballo si è sviluppato insieme alla Rumba, al Mambo, al Danzòn e al Son ricevendone molte influenze, per poi diffondersi ampiamente come ballo di coppia negli anni Cinquanta.

Prima di tutto vi starete domandando: da dove deriva il suo particolare nome? Le ipotesi sono varie. Alcuni credono che derivi dal nome del sonaglio (cha cha) ricavato dal baccello di alcune piante caraibiche ed utilizzato per scandire il ritmo durante la danza. Un’altra ipotesi è che sia la riproduzione onomatopeica del suono prodotto sul pavimento dalle scarpe (precisamene dal raschiare e dallo spostarsi dei piedi) nell’esecuzione del triplo passo tipico di questo ballo. Oppure potrebbe essere la riproduzione onomatopeica del ritmo della danza scandito dal tempo delle percussioni. Probabilmente la sua esatta origine resterà un mistero.

Si ritiene che il Cha cha cha derivi dal Danzonete portoricano e dal Danzon cubano oppure che sia una variante del Mambo nella quale non si esegue la pausa sul battito slow ma si continuano a muovere i piedi in chassè (ovvero con un pattinamento veloce dei piedi sul pavimento).

jorrin

Il creatore della struttura ritmica del Cha cha cha è considerato Enrique Jorrin e fu lui a coniarne anche il nome (dopo averlo inizialmente chiamato semplicemente Mambo-rumba) probabilmente riferendosi al triplice passo sulla base ritmica eseguito dai ballerini. Il cha cha cha di Jorrin si caratterizza, oltre che per le innovazioni a livello di movimenti, anche per la presenza di elementi vocali che cantano insieme.

Jorrin fu il compositore di molti cha cha cha di grandissimo successo in tutta Cuba e poi anche in altri Paesi, ad iniziare dal Messico dal 1953: tra titoli ricordiamo Nada para tì, El Alardoso, El tunel ma la lista è lunga. Il ritmo di Jorrin fu diffuso in giro per il mondo dall’Orchestra America di Ninòn Mondejar e tra gli altri artisti famosi per aver proposto musiche in stile cha cha cha ricordiamo Tito Puente, Chicho O’Farril, Ruben Blades, Perez Prado, Willie Colòn oltre a numerose orchestre e gruppi formati anche da una quindicina di elementi. Come non conoscere “Oye como va” composta da Tito Puente (noto come rey de timbales) e ripresa poi da Carlos Santana?

In Italia il Cha cha cha si diffuse timidamente a partire dagli anni ’60 e tra le sue versioni più famose ricordiamo il “Cha cha cha della segretaria” di Michelino e il suo complesso e “Torero” di Renato Carosone. Da quel periodo il ritmo latino-americano ha conquistato anche il nostro paese e non lo ha più lasciato!

Breve storia del Cha cha cha ultima modifica: 2015-08-28T02:41:29+00:00 da gianluca

One thought on “Breve storia del Cha cha cha

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *